Inizia bene l’avventura di Ronald Koeman sulla panchina del Barça. I Blaugrana infatti vincono e convincono nella prima giornata di Liga contro il Villareal di Emery, mettendo in mostra delle ottime trame di gioco e delle prestazioni individuali di grande livello, specialmente nelle figure di Ansu Fati e Coutinho. Lo schieramento è sempre lo stesso, un 4-2-3-1 mascherato da 4-3-3 in stile catalano, ma la cui forma in campo è netta e distinta, con Fati, Coutinho e Griezmann ad agire alle spalle di Leo Messi. A centrocampo spazio al “double pivot” con De Jong e Busquets ad agire entrambi in costruzione, ma allo stesso tempo come schermi difensivi. La difesa vede invece in Alba, Lenglet e Piquè i punti fermi, con Sergi Roberto ad agire a destra in attesa del gioiello Dest, in arrivo dal mercato. È un Barcellona frizzantino quello che va in scena al Camp Nou, spinto da una bella voglia di far bene e di cominciare la stagione al meglio. La squadra manovra egregiamente con il pallone, si muove bene e soprattutto non dipende dalla giocata di Messi per scalfire la difesa avversaria, che crolla dopo appena venti minuti in virtù delle reti segnate dal gioiello Ansu Fati, autore di una bella doppietta confezionata in collaborazione con un devastante Jordi Alba sulla sinistra. I continui attacchi dell’orchestra catalana generano un calcio di rigore trasformato da Leo Messi per il 3-0, mentre per il definitivo poker ci pensa Pau Torres a segnare nella sua stessa porta, chiudendo definitivamente il conto. Il Barça vince e convince alla prima di Liga, sottolineando nettamente la vastità tecnica ed il grande numero di soluzioni offensive a disposizione di Koeman, che dovrà comunque essere bravo a gestire un gruppo reduce da una delle estati più turbolente della storia blaugrana; La vicenda Messi e gli addii di Suarez, Rakitic e Vidal sono alle spalle ed è il momento di ritornare a vincere, per riscattare la tremenda stagione da poco conclusa

Sezione: Primer equipo / Data: Lun 28 settembre 2020 a las 20:00
Autore: Francesco Lionetti
Ver lecturas
Print