Torna la Champions League, la veste più bella di questo Barcellona targato Ronald Koeman, in una serata ungherese importante per continuare l’incontrastato cammino verso la qualificazione agli ottavi di finale da primi in classifica. Nella formazione c’è del piacevole spazio per Trincao e Braithwaite dall’inizio, che insieme a Griezmann e Dembelè vanno a comporre il quartetto d’attacco. Pjanic continua ad avere minutaggio importante nella massima competizione europea, mentre nel reparto arretrato spazio ancora a Mingueza, data l’alta emergenza sempre più opprimente in quella zona di campo. Il Barça vince la partita con grande tranquillità, sbriciolando i biancoverdi nella prima mezz’ora di gioco attraverso il tacco artistico di Griezmann, in continua crescita psicologica, e le reti di Braihwaite e Dembelè. I blaugrana mettono ben presto la partita in cassaforte e la gestiscono per tutto il resto del match, controllando il possesso e riposandosi giocando, una scelta importante in vista dei prossimi impegni. Leo Messi è stato lasciato a riposo, un qualcosa di estremamente raro data la preziosità del suo genio e del suo essere fattore indiscusso in una partita di calcio. La scelta di preservarlo è però il giusto modo per averlo più fresco in partite di maggior spessore, in vista di una stagione partita purtroppo in salita e con ormai pochissimo margine d’errore. Gli azulgrana continuano ad essere dunque i leader indiscussi del girone aspettando la Juventus, in quella che sarà una prova importante per capire le ambizioni di questa squadra. In conclusione va sottolineata la continua restaurazione di Griezmann, che nelle ultime due partite ha realizzato due gol meravigliosi e ripreso a sorridere vistosamente, segno che alcuni pesi si sono evidentemente tolti dallo stomaco, in seguito alle dichiarazioni riportate in settimana.
Sezione: Champions League / Data: Ven 04 dicembre 2020 a las 00:00
Autore: Francesco Lionetti
Ver lecturas
Print